Questo sito utilizza i cookie per offrire un servizio migliore ai propri utenti.

 

Il dream team conquista la II Divisione

Tra sacrifici, sconfitte e trionfi, euforia e sempre tanta voglia di vincere, la terza divisione della pallavolo del Villa Flaminia chiude l'anno con una meritata grande soddisfazione: la vittoria dei playoff.

Dopo una stagione lunga e intensa, il team composto da Chiara Bifano, Michela Guidetti, Giulia Antignano, Federica Clemente Pinto, Costanza Livadiotti, Ludovica Mauceri, Carlotta Pinna, Giordana Rimedio, Beatrice Sciarra, Ginevra Vitelli, Benedetta Astolfi, Linda Gerardi, Ilaria Favetti, Maria Sole Alessandri, capitanato da Silvia Dailianis e allenato da Victor Teixerira si aggiudica innanzitutto con tanto sudore e determinazione il secondo posto nel campionato. Non ci furono scuse: l'energia, il coraggio e la risolutezza con cui la squadra ha condotto l'intera competizione non poteva svanire con il sogno di riconquistare la seconda divisione.

Prima partita: sabato 27 maggio "in casa". La seconda divisione del Giro Volley, le avversarie, è agguerrita, determinata e combattiva, ma il Villa Flaminia riesce ad avere la meglio concludendo il match 3 a 1.

A circa una settimana di distanza la partita decisiva.

Domenica 4 giugno, nel campo rivale, le due squadre si scontrano nuovamente per decretare a chi spetta il posto. Energia, rabbia, vigore e veemenza: con la vittoria del secondo set il Villa Flaminia raggiunge il traguardo ed entra tra l'esultanza in campo e del pubblico in seconda divisione.

Abbracci stretti, potenti urla per sfogare l'eccitazione, le gioie di un'annata intera passata a lottare, persistere... e un messaggio chiaro: mai mollare!

L'unione, la passione negli occhi di ciascun giocatore potenziata in un'unica grande emozione vale forse più di ogni gesto tecnico.

Con la determinazione di battere oltre una rete di ostacoli, di ricevere colpi forti e dolorosi e di saltare più in alto credibile per raggiungere tutti i nostri sogni è impossibile sfuggire alla trepidazione e la voglia di innamorarsi ancora di questo magnifico sport.

Articolo di

Beatrice Sciarra